Fuel LAB è Partner Ufficiale di 

Perché usare Google Analytics

In questo articolo approfondiamo l’argomento Digital Analytics con 10 buone ragioni sul perché usare Google Analytics per l’ottimizzazione e la crescita della propria attività!

Perché usare Google Analytics per la crescita del Business: 10 buone ragioni.

 

Avere il controllo della situazione

La prima buona ragione sul perché usare Google Analytics è abbastanza immediata: senza questo strumento, non potreste sapere se il sito web riceve traffico, quanti utenti arrivino, di quanti di loro siano nuovi e di ritorno, quanto tempo passino sul sito, e tutti gli altri dati (e parliamo di un grandissimo numero di informazioni) ai quali abbiamo accesso gratuito utilizzando Google Analytics.

E’ da dire che esistono anche molte altre piattaforme di analisi dei dati web; tuttavia, Google rappresenta la punta di diamante tra la soluzioni gratuite, ed è anche un’Azienda partner Fuel LAB, per cui il nostro focus point si concentrerà su questo strumento.

Senza un sistema di Analisi dei dati web, non abbiamo di fatto il controllo sul nostro sito web, e siamo meri spettatori, alla stregua del resto del pubblico, di un sito web sul quale sappiamo veramente poco: il nostro.

Utilizzo di Google Analytics con Google Data Studio

Tracciare le Conversioni

Uno degli aspetti più importanti nell’analisi del nostro sito web non è solo leggere le metriche di base legate appunto al comportamento dell’utenza sul sito web a livello di pagine visitate, tempo per pagina, aspetti demografici e geografici sul pubblico, e così via. Una delle cose più importanti da fare è riconoscere gli obbiettivo di un sito web (Conversioni). Un utente effettua una “Conversione” quando completa un obbiettivo importante per il sito web.

Tracciare le Conversioni è un’azione interamente manuale, che richiede una paziente configurazione, ma ripaga sempre degli sforzi intrapresi.

Tracciare gli eventi

Ora che abbiamo parlato di Conversion Tracking, è importante tracciare anche altri tipi di eventi. Google Analytics infatti, essendo uno strumento uguale e gratuito per tutti, raccoglie tutti i nostri dati web, ma non sa quale siano gli “eventi” importanti per un sito web.

Pensando ad esempio ad un e-commerce, sicuramente la conversione sarà la vendita di un prodotto, ma anche altre azioni sono importanti e da tenere d’occhio, ad esempio l’ispezione approfondita di prodotti specifici, l’aggiunta alla lista dei desideri, l’iscrizione alla newsletter, il click sui prodotti in upsell.. e così via.

Ottimizzare la User Experience

Dal momento che Google non può fidarsi solo dei segnali che gli inviamo noi tramite la tecnologia applicata al marketing (strategie keyword, ottimizzazioni SEO di varia natura, ecc), basi infatti pensare al concetto che tutti vogliamo arrivare primi nei risultati di ricerca, ma solo un risultato è quello “migliore”, dal 2021 Google ha iniziato a basarsi sempre più su una serie di parametri specifici per classificare la bontà del nostro sito web (e dunque premiarlo con ranking SEO e pay per click più efficiente ed economico nella SEA): ossia, la soddisfazione ed il piacere di navigazione dell’utente.Infographic by: https://www.oncrawl.com

Con Google Analytics puoi scoprire se il tuo sito web è in linea con i parametri vitali base del web (Core Web Vitals), e capire molto meglio cosa trattiene con efficacia l’utente sul sito web e lo convince ad eseguire le azioni sperate, oltre a permetterci di comparare i risultati di un cambio di layout, di colore o di testo con il periodo precedente e successivo alla modifica.

Scoprire quali contenuti funzionano meglio

Come accennato poc’anzi, la conduzione di A/B test è fondamentale per ottimizzare pagina per pagina l’efficacia delle nostre azioni di marketing ed il nostro storytelling. Quale dei due video che ho caricato trattiene gli utenti più a lungo? Dopo aver visto quale video hanno eseguito un’altra azione importante? La visione di questo video (evento che può essere tracciato manualmente) ha incrementato le vendite?

Queste sono solo alcune delle domande ai quali i Digital Analytics sono in grado di rispondere.

Ottimizzare la SEO

Puoi ottimizzare la SEO (Search Engine Optimization) in diversi modi con Google Analytics. In primo luogo, puoi verificare quali pagine del sito web catalizzano più traffico di altre tramite la ricerca organica; inoltre puoi monitorare qualsiasi metrica di successo sulla base del segmento di pubblico che proviene esclusivamente dalla ricerca organica, per valutare la qualità di questo traffico. E poi, puoi anche collegare Google Search Console a Google Analytics, per importare le informazioni riguardo a quali query abbiano portato traffico, ed effettuare data mining pi approfondito.

Ottimizzare la spesa sulla SEA

Molto spesso ci viene chiesto durante le prime call di Coaching come mai il costo per click sia così impegnativo, e se non ci sia un modo di abbassarlo. Ebbene, i parametri di User Experience sono tra i più determinanti anche per la Search Engine Advertisement (SEA), e metriche come la Frequenza di Rimbalzo, il tempo medio sulla pagina, le pagine per sessione, che sono accomunabili alla rilevanza dell’annuncio rispetto alla keyword utilizzata, impattano significativamente l’adRank, influenzato sia la nostra posizione nelle aste, sia il cpc medio.

E poi, in Google Analytics, possiamo filtrare il traffico specificamente per le campagne che provengono dalla SEA, così da poter analizzare ancora più a fondo i nostri risultati.

Creare Segmenti di pubblico

Una delle cose più utili da fare in Google Analytics Universal Analytics è la creazione di Segmenti di Pubblico; questa funzione permette di creare una logica condizionale per isolare una fascia di pubblico (esempio: solo utenti di genere femminile, tra i 25 ed i 45 anni, che hanno passato più di 2 minuti sul sito, oppure, solo coloro che hanno visualizzato il prodotto x), ed effettuare poi azioni di marketing molto mirate tramite il retargeting in Google Ads, collegando le due piattaforme.

I Segmenti di pubblico non sono utili solo al retargeting o remarketing in Google Ads, ma anche per effettuare analisi molto più veloci e creare report comparativi tra segmenti diversi.

Prendere decisioni basate sui dati

Ovviamente esistono altre ragioni tecniche ed opportunità di marketing tecnologico nello sfruttare i digital analytics, ma la prima e fondamentale è quella di prendere decisioni di business basate sulla realtà dei fatti (o suoi dati che ci si avvicinano di più), piuttosto che su scelte personali ed arbitrarie.

E’ una pratica da allenare e non di facile adozione, inizialmente; a nessuno fa piacere scoprire che ciò che funziona a proprio gusto e sentimento, non funziona in realtà per raggiungere gli obbiettivi commerciali. Tuttavia, è necessario basare sui dati le proprie scelte strategiche, per riuscire ad avere successo online.

Alimentare il Machine Learning della IA

In un mondo sempre più “cookie-less” (per modo di dire) e con l’imminente dismissione di Universal Analytics per lasciare spazio a Google Analytics 4, la raccolta di quanti più dati possibile è fondamentale, in quanto sia Analytics, che Google Ads che qualsiasi altro strumento di gestione del Digital marketing sarà sempre più AI-Driven (gestito dall’intelligenza artificiale);

Per poter funzionare correttamente, la macchina deve poter creare associazioni ed analisi predittive, e per poterlo fare ha bisogno di una enorme mole di dati; più dati gli si forniscono, e per più tempo possibile, più alta sarà l’accuratezza dei nostri strumenti di Marketing.

Migliorare l'efficienza della IA con Google Analytics

Ti è piaciuto questo articolo? Hai domande o vuoi proporre qualche cambiamento? Lascia un commento, siamo sempre felici di discuterne con la nostra community! 

 

Impara qualcosa di nuovo anche il mese prossimo.
Inserisci la tua email, e ti manderemo, molto raramente, nuovi contenuti e guide!
Resti con noi?
Impara qualcosa di nuovo anche il mese prossimo.
Inserisci la tua email, e ti manderemo, molto raramente, nuovi contenuti e guide!
Resti con noi?